omar sy attore lupin netflix

Omar Sy è un attore e comico francese di origini senegalesi e mauritane. Il noto attore, divenuto famoso grazie al film Quasi amici, ha 42 anni ed è alto 1.90. Sposato con 5 figli vive a Los Angels.

La storia di Omar Sy

Non era nei piani di Omar Sy diventare un celebre attore. Tutto quello che avrebbe voluto fare era diplomarsi e trovare un lavoro stabile. La sua vita cambia quando dopo aver accompagnato un suo amico a Radio Nova, ha inventato il ruolo di un calciatore nigeriano, in assenza di altri, divenendo particolarmente riconosciuto e amato grazie alla sua sontuosa comicità. Baluardo della sua carriera è stato dettato, in effetti, proprio da una spiccata verve comica che ha permesso allo stesso francese di risultare particolarmente ambito in ambienti cinematografici e mediatici.

L’apice del successo l’ha ottenuto quando Sy ha interpretato il ruolo di badante nel film Quasi Amici. In quella circostanza ha ottenuto il Premio Cesar come migliore attore; altri ruoli di grande valore sono stati successivi al successo stesso, e hanno portato l’attore a essere scelto per titoli come  X-Men – Giorni di un futuro passato e Jurassic World, nel quarto capitolo della saga cinematografica.

Film in cui ha recitato Omar Sy

In seguito, sono elencati i film in cui ha recitato Omar Sy nell’ambito della sua carriera:

  • La Tour Montparnasse infernale regia di Charles Nemes (2000)
  • Le Raid, regia di Djamel Bensalah (2002)
  • In fuga col cretino (Le Boulet), regia di Alain Berberian e Frédéric Forestier (2002)
  • Samouraïs, regia di Giordano Gederlini (2002)
  • La Beuze, regia di François Desagnat e Thomas Sorriaux (2003)
  • Le Carton, regia di Charles Nemes (2004)
  • Primi amori, primi vizi, primi baci (Nos jours heureux), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2006)
  • Seuls two, regia di Éric Judor e Ramzy Bedia (2008)
  • King Guillaume, regia di Pierre-François Martin-Laval (2009)
  • Envoyés très spéciaux, regia di Frédéric Auburtin (2009)
  • Troppo amici (Tellement proches), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2009)
  • Safari, regia di Olivier Baroux (2009)
  • L’esplosivo piano di Bazil (Micmacs à tire larigot), regia di Jean-Pierre Jeunet (2009)
  • La Loi de Murphy, regia di Christophe Campos (2009)
  • Arthur e la vendetta di Maltazard (2009) – voce nella versione francese
  • Les Tuche, regia di Olivier Baroux (2011)
  • Quasi amici – Intouchables (Intouchables), regia di Éric Toledano e Olivier Nakache (2011)
  • Dream Team (Les Seigneurs), regia di Olivier Dahan (2012)
  • Due agenti molto speciali (De l’autre côté du périph), regia di David Charhon (2012)
  • F.B.I. – Due agenti impossibili (Mais qui a re-tué Pamela Rose?), regia di Olivier Baroux e Kad Merad (2012)
  • Mood Indigo – La schiuma dei giorni (L’Écume des jours), regia di Michel Gondry (2013)
  • X-Men – Giorni di un futuro passato (X-Men: Days of Future Past), regia di Bryan Singer (2014)
  • Good People, regia di Henrik Ruben Genz (2014)
  • Samba, regia di Olivier Nakache e Éric Toledano (2014)
  • Jurassic World, regia di Colin Trevorrow (2015)
  • Il sapore del successo (Burnt), regia di John Wells (2015)
  • Mister Chocolat (Chocolat), regia di Roschdy Zem (2016)
  • Inferno, regia di Ron Howard (2016)
  • Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse (Demain tout commence), regia di Hugo Gélin (2016)
  • Dr. Knock (Knock), regia di Lorraine Lévy (2017)
  • Il viaggio di Yao (Yao), regia di Philippe Godeau (2018)
  • Lo sbirro di Belleville (Le flic de Belleville), regia di Rachid Bouchareb (2018)
  • Wolf Call – Minaccia in alto mare (Le chant du loup), regia di Antonin Baudry (2019)
  • Il richiamo della foresta (The Call of the Wild), regia di Chris Sanders (2020)
  • Il principe dimenticato (Le prince oublié), regia di Michel Hazanavicius (2020)

Lupin su Netflix

Sulla piattaforma Netflix arriva Arsenio Lupin. La serie interpretata proprio da Omar Sy sta riscuotendo molto successo. La prima parte di Lupin – costituita da 5 episodi – introduce gli spettatori all’avventura dinamica e frizzante del ladro gentiluomo che gioca con la sua identità e trova sempre il modo di farla franca. Ma attenzione, non si fa riferimento a Lupin III, bensì al fenomeno letterario nato dalla penna di Maurice Leblanc. Assane Diop decide di vendicare il padre per un’ingiustizia subita per colpa di una ricca famiglia.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it