I congiunti o gli amici potranno vedersi oppure no? Nelle zone rosse, di cui al momento fanno parte Lombardia, Campania, Calabria, Piemonte, Valle d’Aosta, Toscana e Provincia autonoma di Bolzano, l’incontro con i congiunti e con gli amici non rientra tra i motivi che giustificano l’allontanamento dalla propria abitazione.

Zona rossa in Campania, visite agli amici e ai congiunti: ecco cosa si può fare

Non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso” si legge chiaramente nel nuovo Dpcm.

Ma è consentito assistere un parente o un amico non autosufficiente. “Nel caso si tratti di persone anziane o già affette da altre malattie, ricordate però che sono categorie più vulnerabili e quindi cercate di proteggerle dai contatti il più possibile”, è la raccomandazione del governo.

E’ sconsigliato anche portare i bambini dai nonni. “È possibile ma fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da COVID-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone. Pertanto, questo spostamento è ammesso solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore”, si legge nelle Faq pubblicate di recente sul sito del governo.

Per quanto riguarda i genitori separati o divorziati si chiarisce che “gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Comuni di aree differenti”. Inoltre per le zone rosse è vietato spostarsi all’interno del proprio comune eccetto per ragioni di lavoro, salute e necessità. Ogni spostamento, infine, va giustificato con autocertificazione.

 
continua a leggere su Teleclubitalia.it