Aumenta in Campania l’elenco dei sindaci che hanno predisposto la chiusura di strade, piazze e mercati per scongiurare la diffusione del contagio. Dopo i sindaci di Frattamaggiore, di Acerra e di Bacoli, anche il primo cittadino di Aversa ha emanato misure ancora più restrittive.

L’ordinanza entra in vigore oggi, sabato 7 novembre, fino al 14 novembre. Ecco cosa è vietato:

1) In qualsiasi ora del giorno, la consumazione su strade ed aree pubbliche di cibi e bevande ad esclusione dell’acqua;
2) Dalle ore 18:00 di ogni giorno è vietata la vendita da asporto di bevande si alcoliche che analcoliche, ad eccezione dell’acqua (E’ prevista la deroga al divieto per la vendita da parte di esercizi in sede fissa – esclusivamente fino alle ore 20,30 – e da parte di esercizi di somministrazione di alimenti e di artigianato settore alimentare quale complemento di un acquisto complessivo di cibi);
3) E’ vietato lo stazionamento su aree e strade pubbliche di pedoni in numero superiore a due unità anche a prescindere del rispetto delle misure di distanziamento sociale ed anti-assembramento e con deroga per i soli componenti di un unico nucleo familiare e per persone conviventi;
4) Il Parco Pozzi sarà aperto al pubblico tutti i giorni solo nella fascia oraria 6:30-9:00;
5)Nella fascia oraria 18:00-22:00 sono interdette al pubblico Piazza Paul Harris, Piazza Principe Amedeo (Area “Villa Comunale”), Piazza Vittorio Emanuele (l’area pedonale della piazza), Via Seggio, Piazzetta Lucarelli e Strada San Paolo. Ovviamente è consentito l’accesso e il deflusso ai residenti e ai clienti degli esercizi commerciali che sono legittimamente aperti.
6) E’ sospesa la Zona a traffico Limitato.
Il sindaco di Aversa, Alfondo Golia, ha invitato i cittadini e le attività economiche a dare priorità alle persone dai 65 anni in su in caso di eventuali code all’ingresso o alle casse. “Quest’ultimo non è certo un obbligo, ma un gesto di collaborazione per permettere loro di tornare prima a casa oltre che, penso, un gesto di grande civiltà”, ha detto il sindaco.
continua a leggere su Teleclubitalia.it