Seimila commercianti scrivono al Governatore De Luca per chiedere un immediato lockdown. L’obiettivo è chiudere tutto adesso per salvare il Natale. Autrice dell’iniziativa la FdC, Federazione del Commercio, Artigiani, Imprese e Professionisti della Campania, nata durante i giorni di inizio pandemia.

Napoli, i commercianti invocano il lockdown: “Chiudere ora per salvare il Natale”

Come riporta il Mattino, si tratta di un movimento spontaneo, consapevole adesso delle difficoltà del sistema sanitario e della necessità di abbassare la curva epidemica. “Evidentemente il lockdown è necessario almeno per la città di Napoli. Allora venga decretata subito, con urgenza”. Solo così si potrebbe evidentemente salvare lo shopping natalizio, che in alcuni settori, si legge sempre nella missiva, consentono di “incassare fra il 50 e il 70 degli introiti di un intero anno”.

Sono circa seimila i commercianti aderenti al FdC. Il portavoce della Federazione, Enzo Perrotta, presidente dei commercianti di Vomero e Arenella, spiega che hanno discusso l’altra notte fino all’alba per stilare la lettera e convergere su una richiesta unanime: lockdown subito, senza ulteriori indugi. “Noi non possiamo stare ad aspettare – spiega Perrotta -. Per fermare il contagio basta limitare la circolazione dei cittadini per quindici giorni. Ma deve essere lockdown vero con chiusura di tutte le attività comprese banche e tribunali, e con limitazioni anche nei trasporti pubblici”.

Le richieste però sono chiare: lockdown ma con immediato sostegno a tutte le attività, il blocco dei decreti ingiuntivi e dei canoni di locazione e delle bollette. Quindici giorni di chiusura totale che consentano agli ospedali di riprendere fiato, per poi ripartire di nuovo in vista del Natale. Insomma: chiudere la Regione o parte di essa adesso, per riaprire a metà o fine novembre, quando si mette in moto lo shopping natalizio. “Partire con la chiusura totale delle attività dopo quel periodo – prosegue Perrotta – significherebbe mettere definitivamente in ginocchio il mondo del commercio”.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it