Prosegue la protesta dei cittadini di Arzano contro il lockdown e le misure restrittive imposte dalla Commissione straordinaria ieri pomeriggio.

Nei pressi della rotonda di Arzano, i manifestanti hanno affisso alcuni striscioni, che stamattina non erano presenti. “Il Covid vi ha dato alla testa” si legge su uno. Su un altro telo, invece, appare la seguente scritta: “Tirate fuori i soldi e poi chiudete tutto. Anche un anno interno”. La categoria più colpita è proprio quella dei commercianti, che da un giorno all’altro si sono visti costretti a dover abbassare la saracinesca.

Fatta eccezione per i negozi di generi alimentari, farmacie e distributori dei carburanti. La maggior parte dei cittadini contestano la decisione del commissario prefettizio di aver circoscritto la zona il giorno precedente, a poche ore dall’entrata in vigore dell’ordinanza, e di esser stati avvisati dalla forze dell’ordine attraverso una comunicazione via megafono.

Stamattina un gruppo di manifestanti ha invaso anche la carreggiata dell’Asse Mediano, impedendo agli automobilisti di transitare. Insomma, da ore i cittadini di Arzano invocano la revoca dell’ordinanza sindacale. Intanto il prefetto di Napoli, Marco Valentini, d’intesa col questore, ha disposto un impiego straordinario delle forze dell’ordine per assicurare il rispetto dell’ordinanza, anche eventualmente con l’ausilio dei militari dell’Esercito del contingente “Strade sicure”.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it