Giugliano. Ci sono molte bocciature eccellenti anche in questa tornata elettorale. Comunque vadano le cose dopo il ballottaggio tra Pirozzi e Poziello, non entreranno a far parte del consiglio comunale molte facce note.

Out di Poziello

Restano fuori comunque vadano le cose, l’ex consigliere comunale Marianna Tartarone e l’ex assessore Gennaro D’Orta, Tecla Magliacano, Pasquale Incoronato e Andrea D’Alterio.

Nella lista Città in Movimento resta fuori in ogni caso, Luigi Leonardi con 46 voti e Miriam Marino assessore uscente della pubblica istruzione, con 268 voti.

In Italia Viva solo 173 voti per Simona Palumbo, lotta al cardiopalma per il primo posto da primo dei eletti tra Panico e Russo (consigliere uscente) rispettivamente a 307 e 306 voti.

39 voti per Maddalena Caiazza che aveva fatto parlare di se per la vicenda della foto al voto. In giugliano libera non entra in nessun caso l’avvocato Caserta con 200 voti ma che era alla prima esperienza. Fuori in ogni caso Sossio Bencivenga e Bartolomucci che si ferma a 85 voti.

Out di Pirozzi

Trombato il consigliere uscente Giuseppe D’Alterio nella lista Giugliano Bene Comune con 247 voti e il dirigente di Articolo 1, Domenico Mallardo con 143 preferenze. 

Nel PD, invece, in ogni caso non entrano Giuseppe Ferraro con 264 voti, Alessandra Iannone con 104 voti e Gerarda D’Auria con 267 voti. Nella lista Repubblicani Democratici è out il consigliere uscente Carlo Carleo con 265 voti.

Out di Maisto

Fuori in Forza Italia sia Franco Carlea con 171 e Alfonso Sequino figlio del compianto Umberto 278. Fuori Anna Russo di cambiamenti che comunque ha raccolta 651 voti. In Fratelli d’Italia fuori Emanuele Bifaro anche raccogliendo 489 voti. Fuori anche Michele Diana della lega con 304 voti e Andrea Guarino di Udc che raccoglie 458 voti.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it