caivano maria paola

Caivano. Il gip del Tribunale di Nola convalida il fermo nei confronti di Michele Antonio Gaglione, ritenuto responsabile della morte della sorella Maria Paola. Resta in cella il 30enne che ha inseguito in sella alla moto la sorella, che viaggiava assieme alla compagna con cui intratteneva una stabile relazione sentimentale. Il gip ha accolto in pieno la tesi dell’accusa: “C’era la volontà di ledere, di arrecare danno alla compagna della sorella, si è trattato di un omicidio preterintenzionale con l’aggravante dei motivi futili.”

Resta in carcere

Difeso dai penalisti Cantelli e Paolella, Gaglione resta in cella a Poggioreale. Scrive il gip in sede di convalida: “Ha mostrato scarso senso di civiltà e rispetto nei confronti dell’altrui determinazione. Accentuata pericolosità sociale, disdegno verso ogni aspetto confliggente il proprio pensiero.”

Leggi anche

Maria Paola, la mamma di Ciro svela: “Gli hanno fatto una trappola per ucciderli”



continua a leggere su Teleclubitalia.it