Messina. Vanno ormai avanti da giorni le polemiche su come sono state effettuata le ricerche di Gioele. A Daniele Mondello, padre di Gioele e marito di Viviana Parisi, mamma e figlio rinvenuti privi di vita nei boschi di Caronia, non si da pace. “Cinque ore di lavoro di un volontario rispetto a 15 giorni di 70 uomini esperti, mi fanno sorgere dei dubbi oggettivi sui metodi adottati per le ricerche“, aveva già sottolineato.

Le ricerche di Viviana Parisi e Gioele

Questo video me l’hanno mandato“, scrive Daniele Mondello pubblicando su Facebook un video delle ricerche sul campo di tracce del figlio. “Non so cosa pensare…lo stavano cercando così a mio figlio?“, aggiunge agitando le acque di una polemica che già nei giorni scorsi si era affacciata, poco dopo i primi ritrovamenti dei resti del figlio, ancora non attribuiti al piccolo.

Questo video me l'hanno mandato. Non so cosa pensare…lo stavano cercando così a mio figlio?

Posted by DANIELE MONDELLO on Thursday, August 20, 2020

 

Le polemiche sulle ricerche

Dopo i primi ritrovamenti di un tronco, un femore euna la testa attribuiti al 99% al piccolo Gioele, da parte di un volontario, un ex carabiniere in congedo, Daniele Mondello aveva lasciato un messaggio sul suo profilo Facebook.

Nonostante il dramma che mi ha travolto, trovo doveroso ringraziare quanti mi hanno aiutato. Dedico un ringraziamento particolare al Signore che ha trovato mio figlio. Se non ci foste stati voi, chissà se e quando lo avremmo ritrovato“, scriveva. Poi le domande, tante, su come sono andate le cose durante le ricerche: “Cinque ore di lavoro di un volontario rispetto a 15 giorni di 70 uomini esperti, mi fanno sorgere dei dubbi oggettivi sui metodi adottati per le ricerche“, aveva già sottolineato.



continua a leggere su Teleclubitalia.it