Reddito di cittadinanza taglio del 20%

Reddito di cittadinanza. Diventa operativo il taglio del Reddito di cittadinanza. È in Gazzetta ufficiale il decreto che sancisce le decurtazioni nel caso in cui il beneficiario non spenda o prelevi per intero l’importo accreditato tramite il Rdc. Il taglio del 20% per chi non ne fruisce per intero nello stesso mese di accredito, è operativo dal mese di luglio.

Reddito di cittadinanza, da quando entrano in vigore i tagli

Le decurtazioni mensili si applicheranno a partire dalla prima mensilità successiva all’entrata in vigore del DM; quelle semestrali dalla prima erogazione successiva all’entrata in vigore del decreto: il primo ciclo dovrebbe coincidere con il secondo semestre solare del 2020. Si prevede, infine, che in caso di interruzione delle erogazioni per rinnovo o sospensione del Rdc le decurtazioni vengono sottratte dal beneficio spettante nel primo mese successivo alla sospensione ovvero, se non capiente, dalla disponibilità della carta fino a capienza.

Potrebbe anche interessarti >> Reddito di cittadinanza, pagamenti luglio 2020

Reddito di Cittadinanza 2020: come controllare il saldo?

Come controllare il saldo Reddito di Cittadinanza?

Per controllare il saldo del Reddito di Cittadinanza è possibile contattare il numero verde 800.666.888 oppure è verificarlo presso lo sportello ATM della banca o delle Poste Italiane.

Basta inserire la carta, digitare il PIN segreto e scoprire il saldo carta RdC.

Reddito di Cittadinanza 2020: limite di prelievo e commissioni

I limiti di prelievo da ATM postali e bancari sono:

  • 100 euro per i beneficiari che vivono soli il limite è di 100 euro al mese,
  • 220 euro per chi vive in famiglia (almeno 4 persone).

Viene applicata una commissione sui prelievi effettuati con la Carta Reddito di Cittadinanza:

  • pari a 1,75 euro per i prelievi ATM bancari (circuito MasterCard),
  • pari a 1 euro per i prelievi ATM postali.

Reddito di Cittadinanza: rinnovo, cosa fare dopo la scadenza?

Il rinnovo del Reddito di Cittadinanza 2020 può essere richiesto dopo la scadenza del primo periodo massimo di fruizione di 18 mesi.



continua a leggere su Teleclubitalia.it