Ora legale, si dorme un’ora in meno: quando spostare le lancette?


Ora legale 2020. Nella notte tra sabato 28 marzo e domenica 29 marzo le lancette dell’orologio andranno spostate avanti di un’ora. Le giornate si allungheranno, dunque, ma si dormirà un’ora in meno. Un cambiamento che quest’anno arriva in piena emergenza coronavirus. Ora legale 2020 L’ora legale è un a convenzione che consente di sfruttare al massimo

Ora legale, si dorme un’ora in meno: quando spostare le lancette?

Ora legale 2020. Nella notte tra sabato 28 marzo e domenica 29 marzo le lancette dell’orologio andranno spostate avanti di un’ora. Le giornate si allungheranno, dunque, ma si dormirà un’ora in meno. Un cambiamento che quest’anno arriva in piena emergenza coronavirus.

Ora legale 2020

L’ora legale è un a convenzione che consente di sfruttare al massimo la luce solare risparmiando sul consumo energetico. In inglese è detta Daylight Saving Time: “tempo per il risparmio della luce”.

In Italia l’ora legale nasce come misura di guerra. È stata adottata dal 1916 al 1920, dal 1940 al 1948 e definitivamente dal 1966 quando durava quattro mesi, dall’ultima domenica di maggio all’ultima domenica di settembre.

Che cos’è l’ora legale

L’ora legale è la convenzione di spostare avanti di un’ora le lancette degli orologi di uno Stato per sfruttare meglio l’irradiazione del sole durante il periodo estivo.

Di converso, il termine ora solare si riferisce all’orario statale usato durante il periodo invernale. Coincide con quello del meridiano del fuso orario di riferimento, chiamato anche «ora civile convenzionale».

Si badi bene tuttavia come tale riferimento valga a livello nazionale, dato che invece l’ora locale sarebbe tecnicamente diversa in ogni punto del globo terrestre, in quanto riferita alla posizione della Terra rispetto al Sole.

Ora legale, sarà l’ultima volta?

La Commissione europea ha deliberato che spetta ai singoli Paesi decidere quale fuso orario adottare, entro il 2021. Dal 2021 non ci saranno più spostamenti di lancetta all’interno della propria nazione, in quanto il fuso deciso si adotterà tutto l’anno. L’ultimo cambio di ora per quelli che decideranno di mantenere in modo permanente l’ora legale avverrà quindi l’ultima domenica di marzo del 2021, mentre per i Paesi europei che preferiscono mantenere l’ora solare, gli orologi cambieranno per l’ultima volta nell’ultima domenica di ottobre dello stesso anno. L’effetto collaterale è quello di avere dei fusi orari sparsi all’interno dell’Europa, in funzione delle scelte decise.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.