Napoli, Ciro ucciso per errore: 8 ergastoli, c’è anche il boss Rinaldi

Napoli, Ciro ucciso per errore: 8 ergastoli, c’è anche il boss Rinaldi

Ergastolo per il boss Ciro Rinaldi e per altri sette imputati. Questa la sentenza emessa poco fa dal gup di Napoli Luana Romano nei confronti di otto soggetti ritenuti mandanti ed esecutori materiali del duplice omicidio della vittima innocente Ciro Colonna, 19 anni, e di Raffaele Cepparulo, bersaglio dell’agguato.

Ciro Colonna ucciso per errore: 8 ergastoli, c’è anche il boss Rinaldi

Il ras Cepparulo è considerato, infatti, un elemento di spicco del gruppo camorristico dei cosiddetti “barbudos” del rione Sanità, inizialmente legato al boss Genidoni e poi confluito nel clan De Micco di Ponticelli.

La tragedia si consumò nel pomeriggio del 7 giugno 2016, in un circolo ricreativo del quartiere Ponticelli di Napoli. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Ciro Colonna stava aspettando un amico per andare assieme a pagare delle bollette, intrattenendosi nel circolo e giocando a biliardino con altri presenti. Improvvisamente, arrivarono i killer, che fecero irruzione per uccidere Raffaele Cepparulo, presente all’interno del circolo. I sicari riuscirono ad ucciderlo e nel fuggi fuggi generale Ciro perse gli occhiali. Il giovane mentre tentò di chinarsi in avanti per recuperarli, fu raggiunto dai proiettili, che non gli lasciarono scampo.

SEGUI LE NOTIZIE DEL GIORNO

SEGUICI SULLA NOSTRA FANPAGE

 

TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Tags

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.