Sequestrati 400mila euro di beni immobili ad un camorrista

Sequestrati 400mila euro di beni immobili ad un camorrista

A seguito di una complessa attività di indagine patrimoniale, tesa all’ aggressione dei patrimoni di mafia, personale della Divisione Anticrimine della Questura di Napoli (Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali) ha dato esecuzione al decreto di sequestro beni emesso dal Tribunale di Napoli -Sezione Misure di Prevenzione-, ai sensi della normativa antimafia, nei confronti di Di Martino Giuseppe, nato a Pompei (Na) il 4.1.1958.

 

Il predetto veniva condannato il 27 giugno 2002 dalla Corte di Appello di Napoli, con sentenza divenuta irrevocabile il 22 gennaio 2004, alla pena di anni 3 di reclusione per associazione per delinquere di tipo mafioso, in quanto appartenente al sodalizio camorristico denominato “Giugliano”, operante nei comuni di Poggiomarino, Scafati e Boscoreale, quale articolazione territoriale del famigerato clan Fabbrocino.

 

Di Martino pregiudicato anche per emissione di assegni a vuoto e con pregiudizi di polizia per minacce, lesioni ed ingiuria, risulta già destinatario della misura di prevenzione della sorveglianza speciale della Polizia per la durata di anni quattro e della misura di sicurezza della libertà vigilata per anni uno.

 

Il citato decreto di sequestro di beni del Tribunale di Napoli, emesso in accoglimento di articolata proposta del Questore di Napoli, formulata a seguito di complessa e prolungata attività investigativa svolta dalla Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali, ha disposto il sequestro dei seguenti beni immobili, formalmente intestati a stretti congiunti di Di Martino, in considerazione della stretta correlazione temporale intercorrente tra le condotte illecite palesate da Di Martino e l’acquisizione degli stessi beni immobili: Fabbricato unifamiliare, composto di piano terra di due vani ed accessorio, e soprastante piano primo di vani tre ed accessori vari collegato da scala interna, con annessa pertinenziale ed esclusiva corte di circa mq 20, sito in Pompei alla via Nolana- Pizzo Martino, quota di 1/3 di un terreno della consistenza di are 8,18 classificato come vigneto, ubicato in Pompei in località Pizzo Martino, quota di 1/3 di un terreno della consistenza di are 0,12 classificato come vigneto, ubicato in Pompei in località Pizzo Martino. Il valore complessivo dei beni posti sotto sequestro ammonta a circa 400mila euro.