Baby-rapinatori di gioiellerie, il pm chiede le condanne. Sono di Giugliano, Villaricca e Mugnano

Baby-rapinatori di gioiellerie, il pm chiede le condanne. Sono di Giugliano, Villaricca e Mugnano

Giugliano. Si è conclusa oggi la requisitoria del pm Faiella nel rito abbreviato che vede imputate 10 persone, accusate a vario di rapina aggravata, lesioni personali aggravate e detenzione illegale di armi. La banda, composta da 15 persone, sarebbe autrice di una serie di rapine commesse in Italia ai danni di gioiellerie a Rimini, Lecce e Casoria.

L’operazione trae origine da un’articolata attività d’indagine a seguito di una rapina, avvenuta nel dicembre del 2013 in una  gioielleria a Casoria nel corso della quale venne ferita una persona.

Lo sviluppo investigativo ha  permesso di documentare l’attività di un gruppo criminale dedito alla commissione di rapine presso istituti di credito e gioiellerie e far luce sulla succitata rapina in gioielleria,  quando due degli odierni arrestati, fintisi clienti,  si erano introdotti nel negozio e, sotto la minaccia di una pistola, erano riusciti a impossessarsi di vari preziosi, ferendo con l’arma un uomo che, richiamato dalle urla del gioielliere,  era accorso in suo aiuto.

Dalle indagini sono stati individuati gli autori di due rapine commesse ai danni di banche, in località Tricase e Misano Adriatico e verificata la disponibilità di armi in capo agli indagati, tra cui un fucile a pompa. Sono stati raccolti elementi circa la crescente operatività nei territori della Provincia di Napoli del citato gruppo criminale, organizzato a commettere attività illecite anche in altre regioni italiane.

  • A Raffaele Errichiello, detto “Lello”, di Giugliano, il pm ha chiesto 12 anni di carcere
  • per Antonio Di Napoli, detto ” ‘o russ”, di Giugliano, 11 anni (entrambi difesi dall’avvocato Michele Giametta).
  • Per Gennaro Giappone sono stati chiesti 11 anni di carcere.
  • Per Domenico Capocotta sono stati chiesti 5 anni e 4 mesi;
  • Salvatore Brugo, detto “Totore Marechiaro” di Mugnano, chiesti 2 anni.
  • Vincenzo Cimmino, detto “O Birbante”, di Giugliano, 7 anni e quattro mesi;
  • Cristoforo Grieco chiesti 6 anni;
  • Gennaro Ferrara, di Mugnano, chiesti 3 anni e 4 mesi;
  • Simone Liccardo chiesti 3 anni e 4 mesi;
  • Salvatore Polio chiesti 5 anni e 4 mesi.