rapine casoria casalnuovo sant'anastasia

Un automobilista scippato e due distributori di carburante rapinati. E’ il bilancio dell’escalation di violenza registrata nella serata di ieri in provincia di Napoli. Non si esclude che ad agire sia una stessa banda in grado di muoversi nel raggio di 10 chilometri in tre comuni diversi.

Due rapine tra Casalnuovo e Sant’Anastasia: si teme una banda

Sono le ore 20. I carabinieri della locale Tenenza intervengono in via Siviglia presso il distributore di carburanti all’insegna “Ruotolo Petroli” per una segnalazione di rapina. Pare che poco prima ignoti a bordo di scooter e armati di pistola abbiano rapinato il titolare del distributore per poi fuggire. Bottino da 2mila euro. Nessun ferito. Trascorrono 30 minuti e i carabinieri intervengono per un altro colpo, in via Pomigliano, a Sant’Anastasia, a pochi chilometri di distanza dal primo episodio. Nel mirino dei malviventi un distributore di carburanti all’insegna “Ayrton Petrol”. Anche in questo caso i rapinatori hanno agito a bordo di uno scooter e sotto la minaccia dell’arma si sarebbero fatti consegnare del denaro per poi fuggire. Due i colpi a salve esplosi, probabilmente a scopo intimidatorio.

Poco prima scippo a Casoria

I militari dell’Arma hanno avviato subito le indagini e acquisito le immagini di videosorveglianza. Il sospetto è che ad agire sia stata una stessa banda. Alle 19 e 30, un’ora prima della rapina a Sant’Anastasia, sempre due ignoti in sella a uno scooter hanno scippato un orologio di valore ai danni di un automobilista alla guida del proprio Suv in via Nazionale delle Puglie ad Arpino di Casoria. Spetterà adesso agli investigatori ricostruire la dinamica dei tre raid e capire se siano collegati tra di loro. Certo però è che il numero degli episodi di microcriminalità sia in crescita negli ultimi giorni in provincia di Napoli. E’ dell’altro ieri una rapina anche a Giugliano. Nel mirino dei balordi un bar tabaccheria di via Aniello Palumbo. 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it