Ancora una morte bianca in Italia. Un operaio di 50 anni, Stefano Anastasio, originario di Maddaloni, è morto schiacciato dalla cabina di un escavatore ieri pomeriggio in un cantiere stradale a Besena in Brianza.

Tragedia sul lavoro, operaio di Maddaloni morto schiacciato da un escavatore: aveva 50 anni

Purtroppo per l’uomo non c’è già più niente da fare. Sul posto arrivati i vigili del fuoco, gli agenti della Polizia locale e il personale del 118. A nulla sono valsi i tentativi di rianimazione da parte dei sanitari: il 50enne è morto sul colpo.

Originario della provincia di Caserta, ma da tempo residente in Lombardia, Anastasio stava lavorando alla messa in opera di un cantiere in via della Fontana a Befana, quando, dopo le 15:30, l’escavatore che stava guidando si è ribaltato e lui è rimasto schiacciato.

Dipendente della “Costruzioni Sassella” di Casatenovo, l’uomo è stato soccorso dal personale del 118 con l’elisoccorso e dai Vigili del Fuoco. In corso tutti gli accertamenti del caso da parte dei carabinieri e della Polizia locale. Le forze dell’ordine sono al lavoro  per capire il motivo dell’incidente e per confermare eventuali responsabilità. Il cantiere nel frattempo è stato posto sotto sequestro. Anastasio lascia la moglie, che lavora in una casa di riposo di Monticello, e due figli adolescenti.

continua a leggere su Teleclubitalia.it