In arrivo una stretta sul telemarketing: verranno introdotte nuove regole su come bloccare le chiamate dei call center. La revisione del sistema delle fonti del trattamento dei dati personali, introdotta attraverso la legge di conversione del “decreto capienze”, pubblicata in Gazzetta ufficiale lo scorso dicembre, contiene anche una novità che riguarda il traffico di dati telematici e telefonici. Una decisione che sicuramente sarà considerata favorevole per i cittadini. Vediamo le novità sul telemarketing.

Stretta sul telemarketing: nuove regole per bloccare chiamate da call center

Il Centro studi enti locali (Csel) spiega cosa accadrà: “Viene sdoganata la possibilità di iscriversi al Registro delle Opposizioni anche nei casi in cui il telemarketing venga effettuato con intelligenze artificiali (cosa che prima non era prevista). Gli operatori che svolgono telemarketing con queste modalità avranno ora l’obbligo, prima assente, di consultare preventivamente tale registro”.

Il Registro Pubblico delle Opposizioni è un servizio gratuito a disposizione degli utenti che consente di opporsi all’utilizzo per fini pubblicitari dei numeri di telefono di cui si è intestatari e dei corrispondenti indirizzi postali associati, presenti negli elenchi pubblici, da parte degli operatori che svolgono attività di marketing tramite il telefono e/o la posta cartacea.

Consultando il sito del servizio, si evince che l’iscrizione al nuovo Registro “consentirà l’annullamento di tutti i consensi pregressi rilasciati per finalità di telemarketing e sancirà il divieto di cessione a terzi dei dati personali, indifferentemente dalla fonte dei contatti che utilizzano gli operatori”.

Gli operatori, pertanto, dovranno obbligatoriamente consultare il nuovo Registro prima dell’avvio di ogni campagna pubblicitaria, verificando quali siano i numeri che possono contattare o meno.

Si tratta di una vera e propria riforma del telemarketing, un’importante novità per la tutela della privacy: attraverso un’unica iscrizione al Registro, si vieterà a tutti gli operatori di utilizzare il proprio numero di telefono per fini pubblicitari.

“Tra poche settimane sarà attivo il nuovo regolamento sul Registro delle opposizioni, allargato a chiamate automatizzate, senza operatori e su telefonia mobile. Un’ottima notizia per gli utenti”: queste le parole di Simone Baldelli su Twitter, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti.

continua a leggere su Teleclubitalia.it