Il Reddito di Cittadinanza potrebbe essere più alto nel 2022, a partire già dalla ricarica di febbraio. Con il rinnovo dell’ISEE scatta un ricalcolo dell’importo che può, in taluni casi, a incrementare del sussidio o perfino a una riduzione.

Reddito di Cittadinanza, arriva l’aumento del sussidio con l’ISEE 2022: chi lo può ottenere

Per ottenere il sussidio economico è necessario che l’Isee sia in corso di validità, per tanto ogni anno il documento deve essere rinnovato entro il 31 dicembre e presentato entro il 31 gennaio. 

Per chiedere il rinnovo, bisogna presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica entro il 31 gennaio 2022. Se il nuovo Isee non verrà rilasciato entro quella data, il pagamento di febbraio 2022 verrà sospeso.

Leggi anche >> Reddito di Cittadinanza 2021, spetta la tredicesima a dicembre?

Una volta presentato l’Isee e ricalcolato l’importo, lo scenario che si presenta per i beneficiari del sussidio economico è il seguente: può capitare che l’Isee sia simile a quello del 2021 e che quindi non ci sia nessuna variazione dell’importo del reddito di cittadinanza rispetto all’anno precedente. In un altro caso, invece, l’indicatore potrebbe risultare più alto rispetto all’anno precedente e quindi l’importo del sostegno economico potrebbe essere ridotto o addirittura azzerato. Se invece la situazione economica è peggiorata nel 2020 rispetto al 2019, allora lo scenario cambia: in quel caso è possibile che l’importo del Reddito di Cittadinanza venga aumentato.

Leggi anche >> Quando pagano il Reddito di Cittadinanza a dicembre 2021: le date

Presentazione Isee

L’Isee va presentato entro il 31 gennaio. A tal proposito l’INPS ha chiarito  che ai beneficiari di Reddito o Pensione di Cittadinanza che se non dovessero ancora aver presentato il nuovo ISEE 2021 entro la data indicata,il sussidio economico sarà momentaneamente sospeso e sarà poi erogato entro il mese solare successivo a quello di presentazione della DSU.

Si potrà ricevere il sostegno fino a quando non si presenterà il nuovo ISEE 2021. Una volta regolarizzata la situazione, l’INPS provvederà a versare due assegni mensili fino all’allineamento temporale della misura.

continua a leggere su Teleclubitalia.it