angela brandi morta pozzuoli licola infarto

Potrebbe esserci un caso di malasanità dietro la morte di Angela Brandi, 24enne originaria di Napoli ma residente a Licola (Giugliano), deceduta per arresto cardiaco dopo essere stata dimessa dall’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli.

Pozzuoli, dimessa dall’ospedale: Angela muore per arresto cardiaco poco dopo

Secondo quanto racconta Cronacaflegrea, Angela era stata accompagnata dalla zia al pronto soccorso del nosocomio puteolano dopo aver accusato dolore al petto e perdite di sangue dalla bocca. Tuttavia, dopo una visita di controllo e dopo le dimissioni, appena rientrata a casa, si è sentita male di nuovo ed è tornata di corsa all’ospedale.

Questa volta non c’è stato niente da fare: la 24enne è morta e i tentativi del personale sanitario di tenerla in vita sono falliti. Sul caso è stata aperta un’indagine da parte della Procura di Napoli: nella serata di ieri il pm di turno ha disposto il sequestro della salma sulla quale sarà effettuata l’autopsia. Sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Licola per ricostruire la vicenda e ascoltare le persone interessate.

La denuncia dei familiari

I parenti sono sotto choc ma puntano il dito contro i medici. Secondo la loro versione, Angela era giunta al pronto soccorso puteolano alle 15 e i sanitari le avevano diagnosticato una epistassi. Tuttavia, tornata a casa, ha accusato gli stessi sintomi ed è tornata al nosocomio alle 20 dove poi è spirata. La Procura di Napoli ha disposto l’esame autoptico per accertare le cause della morte. Solo dalle risultanze potranno emergere eventuali negligenze o responsabilità dei medici che l’hanno dimessa una prima volta.

continua a leggere su Teleclubitalia.it