Pozzuoli. Ancora violenza ai danni del personale sanitario. L’ultima aggressione si è verificata al Pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria delle Grazie dove un un uomo, pare di un paziente, ha aggredito un medico del nosocomio puteolano, stringendogli le mani al collo. 

Pozzuoli, aggressione in ospedale: parente di una paziente tenta di strangolare un medico

La vicenda è accaduta domenica mattina ed è stata denunciata dall’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate attraverso un post su Facebook. 

Stando al racconto dell’associazione, una ragazza era stata ricoverata per una frattura del gomito a seguito di un incidente stradale. 

I familiari della giovane avevano chiesto in maniera insistente informazioni sulle condizioni cliniche della giovane. Ma sarebbe bastata una richiesta di moderazione da parte del medico a far scattare l’aggressione di un parente, che gli ha stretto le mani al collo. 

La guardia giurata presente è poi intervenuta a placare gli animi. L’aggressore è stato poi identificato dalle forze dell’ordine e la magistratura ha chiesto i video delle telecamere di sorveglianza dell’ospedale di Pozzuoli.

Borrelli: “Servono presidi di Polizia”

“Di questo passo ci scapperà il morto”, commenta Francesco Borrelli di Europa Verde, “Oramai certi soggetti si recano negli ospedali immaginando di poter compiere ogni forma di violenza o devastazione. Servono, come noi chiediamo da tempo, i presidi di polizia e il carcere duro per gli aggressori e invece neanche i delinquenti che devastarono il pronto soccorso del Pellegrini hanno fatto un solo giorno di carcere. Solidarietà al medico e un grazie alla guardia giurata che ha evitato il peggio”, ha aggiunto il consigliere regionale di Europa Verde.

continua a leggere su Teleclubitalia.it