Si è presentato alla festa di compleanno della sua ex fidanzata, organizzata in un locale di Bagnoli, e le ha tirato un pugno in faccia. A quella donna, però, l’aggressore – un 39enne di Caivano – non si sarebbe mai dovuto avvicinare: non solo perché tra i due era finita da tempo ma perché, a causa dei suoi comportamenti prevaricatori e violenti, gli era stato imposto il divieto di avvicinamento con distanza minima di un chilometro.

Napoli, va al compleanno della ex in discoteca e la colpisce con un pugno in faccia

Sono state le amiche della vittima a chiamare il 112 per chiedere aiuto. E così, nel giro di pochi minuti, è accorsa una pattuglia dei Carabinieri sul posto. L’ennesimo episodio di violenza sulle donne si è verificato nella notte, all’interno della discoteca Riva, a Coroglio, una delle zone della movida partenopea.

Le amiche e anche la stessa donna aggredita dall’ex hanno raccontato ai miliari quello che era appena accaduto nel locale. La donna ha poi spiegato agli uomini della benemerita che da quando si sono lasciati, l’ex compagno non ha mai smesso di tormentarla, nonostante il provvedimento restrittivo emesso nei suoi confronti.

Il 39enne è stato intercettato poco dopo da una gazzella del Nucleo Radiomobile di Napoli, che era in zona per un servizio di controllo nell’area della movida napoletana. I carabinieri lo hanno rintracciato in via Nisida, a poche centinaia di metri dalla discoteca, e per lui sono scattate le manette. Oltre che dell’aggressione, il 39enne dovrà anche rispondere dell’inosservanza del divieto di avvicinamento alla vittima.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it