Giuseppe Franco muore schiacciato dall’auto individuata per rubare la marmitta. Il 45enne era originario di Pozzuoli. Il crick utilizzato da ladro ha ceduto e per lui non c’è stato scampo. Il fatto è accaduto a Pianura, popoloso quartiere partenopeo, in via Salvatore Fergola. Sul luogo dell’accaduto è stato trovato uno scooter con le chiavi inserite nel cruscotto. Non si esclude la pista secondo cui l’uomo potesse avere un complice con sé. Ad accorgersi della morte del 45enne puteolano è stato il proprietario dell’auto.

Nulla da fare per il 45enne di Pozzuoli

Ha visto un corpo disteso sotto la sua Volkswagen Polo. Ha provato a chiamarlo ma non c’è stato nulla da fare. Accortosi del decesso  ha chiesto aiuto. Sul posto sono giunta polizia, vigili del fuoco e un’ambulanza per poi estrarre il corpo incastrato sotto l’automobile. Successivamente sono stati avvertiti i familiari e il magistrato di turno ha disposto gli esami autoptici. Ora gli inquirenti sono al lavoro per risalire, attraverso le immagini delle telecamere private della zona, se ci fosse un complice al momento dell’arrivo dello scooter. Da sottolineare che Giuseppe Franco era già noto alle Forze dell’Ordine in quanto già arrestato nell’aprile scorso al quartiere San Lorenzo a Napoli sempre per il medesimo reato.

Ritorna la “moda” del furto di marmitte

Negli ultimi mesi i furti di marmitte sono aumentati a dismisura a causa del materiale con cui è costruita la marmitta: il palladio. Che durante la pandemia ha fatto la fortuna di molti ladri. Qualche mese fa la stessa sorte è toccata ad un ladro di nazionalità albanese a Roma. Schiacciato dal peso dell’auto mentre tentava di rubare alcuni pezzi necessari, fra cui la marmitta, per la rivenditanal mercato nero.

continua a leggere su Teleclubitalia.it