Si celebreranno domani i funerali di Samuele, il bimbo di 4 anni ucciso venerdì scorso da Mariano Cannio, domestico di famiglia, che lo ha lasciato cadere nel vuoto, presso la chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci di Napoli.

Omicidio Samuele, domani i funerali a Napoli

Intanto, oggi pomeriggio si è svolto, nel Secondo Policlinico, l’esame autoptico disposto dalla Procura che sta indagando sull’accaduto e che accusa il domestico di 38 anni di omicidio volontario aggravato. 

L’avvocato dell’indagato ha chiesto l’incidente probatorio durante l’udienza di convalida per accertare se Mariano Cannio fosse capace di intendere e di volere al momento della tragedia. Richiesta che è stata poi accettata dai giudici.

Durante l’interrogatorio, il 38enne aveva riferito agli inquirenti di  di essere affetto da una patologia psichiatrica e che per questo motivo era in cura presso un centro di igiene mentale della zona. Poi aveva ammesso di aver lasciato cadere il bimbo nel vuoto e ha rivelato anche di essere stato colto da un senso di colpa. “Mi sentivo in colpa per quello che era accaduto essendo consapevole di esserne la causa”, avrebbe detto al gip.

Tutte dichiarazioni che hanno spinto gli inquirenti a volerci vedere chiaro sul suo stato di salute. Ed è sull’incidente probatorio che si giocherà il futuro processuale di Mariano Cannio, oltre che sulla volontarietà e i motivi che lo hanno spinto a far cadere nel vuoto il piccolo.

L’autopsia

Intanto, oggi, si è svolto l’esame autoptico nel Secondo Policlinico. Al termine degli accertamenti la pm, Barbara Aprea, ha dissequestrato il corpicino di Samuele Gargiulo. La salma è stata dunque restituita alla famiglia per i funerali, che si svolgeranno alle 12 di domani nella chiesa di Santa Maria degli Angeli alle Croci.

continua a leggere su Teleclubitalia.it