Morto Giampiero Galeazzi, storico telecronista sportivo e giornalista Rai: aveva 75 anni. Soprannominato “bisteccone” per la sua mole, Galeazzi, ex atleta di grande livello (è stato un canottiere) per anni ha prestato la sua voce alle telecronache di grandissime imprese sportive, soprattutto alle Olimpiadi. Era malato da tempo.

Morto Giampiero Galeazzi

Lutto nel mondo della televisione e del giornalismo italiano per la scomparsa di Giampiero Galeazzi. La notizia è stata lanciata su Twitter da alcuni colleghi, in primis il direttore del Tg5 Clemente Mimun. “Addio Giampiero RIP” ha infatti scritto sul suo profilo.

Messaggi di cordoglio anche da personaggi del mondo dello spettacolo: tra questi, quello della storica amica Mara Venier, che sul proprio account Instagram ha pubblicato una foto che la ritrae con Galeazzi, con la didascalia: “Bisteccone mio, se ne va un pezzo importante della mia vita. Rip”.

Chi era Giampiero Galeazzi

Giampiero Galezzi è nato a Roma il 18 maggio 1946, sotto il segno zodiacale del Toro. Era alto 192 cm e pesava sui 100 chili: la sua imponente figura è stata d’ispirazione per il soprannome “Bisteccone”, che ha sempre accettato mostrando una forte autoironia. Era laureato in Economia con una specializzazione in Statistica e si era ritirato dalle scene per via di una brutta malattia.

Non solo uno storico volto televisivo ed esperto giornalista, Giampiero Galeazzi in passato è stato anche un canottiere: durante la sua carriera sportiva, ha preso parte alle Olimpiadi del 1968, tenutesi a Città del Messico. Poco dopo, è stato assunto in Rai dove ha ricoperto diversi ruoli, tra cui quelli di conduttore e telecronista, riuscendo ad entrare nel cuore di milioni di telespettatori.

Giampiero Galeazzi: malattia, moglie, vita privata e carriera

continua a leggere su Teleclubitalia.it