Napoli. Non ce l’ha fatta Ciro D’Amore, 26 anni, morto a causa di un tumore che non gli ha lasciato scampo. Laureato in giurisprudenza, sognava di diventare magistrato. Tempo fa la diagnosi di un carcinoma alla lingua era arrivata come un fulmine a ciel sereno, ciononostante il 26enne aveva affrontato con coraggio il percorso di terapie per debellare la malattia.

Lutto a Napoli, Ciro muore stroncato da un tumore: aveva soli 26 anni

Aveva quindi iniziato il ciclo di chemio all’Istituto Pascale di Napoli. Si era recato perfino a Milano, dove era stato sottoposto ad una serie di interventi delicati. Sembrava che le sue condizioni cominciassero a migliorare, ma due mesi dopo l’ultima operazione aveva eseguito una Tac di controllo. L’esito dell’esame si era rivelato impietoso: il carcinoma si era infatti esteso in altre parti del corpo. Ciro ha continuato a lottare, ma un improvviso peggioramento del suo stato di salute lo ha portato via dai suoi cari.

Stamattina si sono celebrati i funerali presso la Chiesa Santa Maria della Fede, a Napoli. La notizia dell’improvvisa dipartita si è subito diffusa in città, soprattutto sui social. Tantissimi i messaggi di cordoglio e di partecipazione al dolore indirizzati alla famiglia in queste ore. Tra questi c’è quello di amica, pubblicato su Facebook: “Sei sempre stato un leone e ogni tuo obbiettivo l’hai sempre raggiunto. Purtroppo contro quel mostro non ce l’hai fatta, nonostante tu abbia lottato tantissimo. Sei stato bravo fino all’ultimo respiro. Sei stato strappato da questa terra perché eri troppo limpido per restarci! Come si dice: se sei in un prato pieno di fiori e decidi di prenderne uno, quale prendi? Quello più bello. E tu sei uno di quelli”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it