L’uccisione di Antonio Morione, il titolare della pescheria a Boscoreale ammazzato nella serata di ieri 23 dicembre, sta scatenando una serie di reazioni sui social e da parte dei rappresentanti delle istituzioni. Sulla triste vicenda è intervenuto il senatore napoletano Sandro Ruotolo: “Quante altre vittime innocenti dovremo ancora piangere? L’uccisione del commerciante Antonio Morione, ci lascia sgomenti, senza parole. Impressiona l’efferatezza e la violenza del gesto criminale. Antonio ha difeso, fino al sacrificio estremo della propria vita, il diritto al lavoro. Come allo stesso modo Maurizio Cerrato difese tragicamente a Torre Annunziata il diritto di sua figlia a parcheggiare l’auto in una strada pubblica divenuta ostaggio dei criminali. “

Ruotolo: “La lotta alla camorra diventi priorità nel Paese”

Il senatore eletto alle Suppletive di Napoli Est rincara la dose sulla tragedia accaduta nell’hinterland napoletano: “La camorra con la sua ideologia e cultura di morte è contro i diritti, contro la libertà, contro la vita. La vera battaglia è contro gli indifferenti, gli omertosi e chi ancora continua ad affermare : ‘Basta che si uccidono tra loro’. La lotta alle camorre e alla criminalità deve diventare priorità del Paese, non si possono più tollerare episodi del genere. Cordoglio e vicinanza alla famiglia di Antonio Morione, un uomo onesto, un lavoratore, un padre di famiglia”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it