pirozzi giunta giugliano

GIUGLIANO. Tempo di riposizionamenti e tempo di attesa e strategie per la politica giuglianese. Pende come una spada di Damocle ancora l’atteso rimpasto di giunta. Il sindaco ormai quasi 3 mesi fa annunciò l’azzeramento dell’esecutivo che però ancora non è arrivato. I bene informati dicono che Pirozzi sia attanagliato finendo in una vera e propria impasse. Il primo cittadino non sa se cedere a una giunta politica o tecnica. Quest’ultima ipotesi stravolgerebbe l’attuale esecutivo perché dovrebbero andare definitivamente a casa diversi assessori come Mallardo, Smarrazzo, Di Girolamo, Taglialatela Scafati e Pirozzi dovrebbe così rompere con i partiti che lo sostengono. 

Intanto in consiglio sono partiti i riposizionamenti, anche proprio in vista del rimpasto per poter esprimere maggiore forze e pretendere un esponente in giunta. Così, dopo Caterina Sestile passata in Azione, potrebbero essere altri due i consiglieri a entrare nel partito di Calenda, e cioè Cristofaro Tartarone e Mary Vitiello visto che il gruppo dei Repubblicani è ormai sciolto. Questo implicherebbe anche l’uscita dall’esecutivo di Pino Cozzolino, assessore in quota Repubblicani, che non avrebbe dunque più una rappresentanza. I cinque stelle confermerebbero i loro due rappresentanti, Savarese e Taglialatela Scafati. 

L’altra novità in assise è la presenza di Centro democratico. Il fedelissimo di Pirozzi Francesco Di Domenico è entrato nel partito di Tabacci con Alfonso Sequino, storico esponente di Forza Italia di giugliano che passa dunque così a sinistra. Proprio Sequino è dato tra i papabili prossimi assessori. Potrebbe infine svuotarsi ancora di più la civica di riferimento del sindaco con Acone che potrebbe passare anche lei tra le fila di centro democratico. Altro capitolo quello che riguarda il Pd, in fase di stallo e ancora silente dopo le dimissioni di Gaetano Coppola. I democratici non hanno commentato le parole del dimissionario né l’esito del voto nazionale che ha decretato il tracollo del Pd giuglianese mentre sono in attesa del congresso. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it