Raid al settimo circolo didattico di Giugliano nella notte. Era circa mezzanotte quando è iniziato a suonare l’antifurto dell’istituto. Secondo una prima ricostruzione dei balordi avrebbero forzato uno degli ingressi e si sarebbero introdotti nella scuola con l’intento di fare razzia, ma verosimilmente l’allarme li avrebbe messi in fuga prima di rubare ciò che cercavano.

Giugliano, ladri in azione: raid nella notte al VII circolo didattico. Macchie di sangue su sedie e banchi

Dalla scuola infatti non è stato portato via nulla. In mattinata, però, il personale scolastico si è trovato di fronte a scene raccapriccianti. Macchie di sangue sulle sedie e sugli arredi dell’ingresso. Telecamere di videosorveglianza smontate e portate via e addirittura completamente sganciato il sistema di antifurto dal muro.

Le macchie ematiche farebbero pensare ad un maldestro tentativo di fuga, molto probabilmente qualcuno nello scassinare o nello scappare si sarà ferito, ma è ancora tutto da chiarire. Sul posto è intervenuta la scientifica dei Carabinieri per i rilievi del caso, repertare le prove per risalire agli autori del raid.

Una mattinata di trambusto nell’istituto scolastico. Gli studenti sono prima entrati per svolgere regolarmente le lezioni, poi la dirigente ha fatto tornare i bambini a casa per consentire la pulizia degli ambienti e la sanificazione delle aule colpite dai balordi. Non si ferma dunque l’escalation criminale neppure a danno delle scuole. Sempre di più gli episodi di razzia e vandalismo registrati all’interno delle scuole a nord di Napoli.

continua a leggere su Teleclubitalia.it