polizia arrestata commerciante giugliano furto energia elettrica

Arrestata per furto di energia elettrica. Una commerciante di 32 anni residente ad Aversa ma con un negozio a Giugliano è finita in manette dopo l’intervento della Polizia del Commissariato di Giugliano-Villaricca. Aveva allacciato abusivamente il suo negozio alla rete elettrica pubblica.

Giugliano, allaccio abusivo alla corrente: arrestata commerciante

Il blitz è di ieri pomeriggio quando gli agenti del Commissariato di Giugliano-Villaricca, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa, sono intervenuti in via Casacelle, periferia cittadina, per una segnalazione di furto di energia elettrica.

Gli agenti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da personale tecnico dell’Enel. Il dipendente dell’azienda ha raccontato che, durante un sopralluogo, aveva scoperto un allaccio abusivo di energia elettrica utilizzato per alimentare un’attività commerciale della stessa strada. Si tratterebbe – secondo Edizione Napoli – di un supermercato. Gli operatori hanno identificato la titolare del negozio, una 32enne di Aversa, e l’hanno arrestata per furto aggravato di energia elettrica. Per lei è scattata la misura dei domiciliari. In base agli accertamenti tecnici condotti dal personale tecnico presente in loco, il danno economico ammonterebbe a 6mila euro.

Crisi energetica

Non si conoscono le ragioni che abbiano spinto la commerciante ad allacciarsi abusivamente alla rete elettrica nazionale. Certo è che il furto e il conseguente arresto fa ancora più scalpore in un periodo di rincari e bollette pazze. Negli ultimi tempi sono centinaia i commercianti in ginocchio, alle prese con fatture dagli importi decuplicati rispetto ai tempi pre-bellici. A lanciare l’allarme istituzioni e associazioni di categoria per una situazione che rischia di portare al fallimento migliaia di imprese nei prossimi mesi anche in Campania.

continua a leggere su Teleclubitalia.it