mog processo giugliano clan mallardo requisitoria

Si è tenuta stamani al tribunale di Napoli la requisitoria (dopo l’ultima udienza con l’interrogatorio del collaboratore di giustizia Filippo Caracallo) nell’ambito del processo sulle presunte infiltrazioni della camorra al mercato ortofrutticolo di Giugliano. Alla sbarra 7 imputati col ritro ordinario, mentre gli altri coinvolti nell’inchiesta del 2015 sono stati già giudicati con l’abbreviato. Si tratta di presunti affiliati al clan Mallardo o autotrasportatori.

Gli avvocati della difesa sono Salvatore Capasso, Alfonso Palumbo, Leopoldo Perone, Palo Trofino, Marco Sepe, Giulio Panico, Alfonso Quarto, Antonio Nerone, Luigi Poziello e Carmela Maisto. I legali dei 7 imputati nell’istruttoria dibattimentale prima ha depositato documentazione e fatture relativo all’operazione da carico e scarico merci, nonché il verbale d’interrogatorio di Giulio Panico e il verbale di sequestro stilato durante il blitz in una delle società coinvolte.

Queste le richieste di condanna della Procura: Libero Frontoso anni 3 e 3 mesi, Salvatore D’Alterio 12 anni, Agostino D’Alterio anni 8, Nunzio Veneruso condanna a 5 anni, Giulio Panico 5 anni, Sossio Capasso 8 anni, Antonio Picardi 8 anni. A formulare la requisitoria il pubblico ministero Graziella Arlomede.

LEGGI ANCHE:

La camorra sul mercato ortofrutticolo: ecco cosa facevano i componenti del clan Mallardo.

continua a leggere su Teleclubitalia.it