ines gomila morta a furore per salvare marito

Emergono nuovi dettagli sulla mote di Ines Gomila, la turista argentina di 36 anni inghiottita da un’onda anomala a Furore, in costiera amalfitana. La donna sarebbe intervenuta per salvare il marito quando il mare agitato l’ha trascinata via.

Dramma a Furore, donna muore travolta da onda anomala per salvare il marito

E’ una giornata di maltempo in Campania. Il 22 novembre la protezione civile dirama l’allerta arancione. Piove, tirano forti raffiche di vento, il mare è in subbuglio. Ines si trova in vacanza con il marito, Sebastian Queiroz, 52 anni, lungo la Costiera Amalfitana. Nei pressi del fiordo di Furore decidono di fermarsi, lasciare l’auto sul ponte e scendere verso la caratteristica spiaggetta per immortalarla. La donna resta a distanza di sicurezza mentre l’uomo si spinge incautamente verso la riva per scattare un selfie.

Qualcosa va storto. Scondo quanto ricostruito dalle indagini, Sebastian viene trascinato da un’onda anomala. Ines non ci pensa due volte: quando vede il marito in balia delle onde, si tuffa in acqua per salvarlo. Sono attimi di terrore. Ad assistere alla scena un residente, che si avvicina alla spiaggia e lancia due cime a mare per permettere ai due turisti di mettersi in salvo. Sebastian riesce ad aggrapparsi, mentre la moglie annega tra i flutti della Costiera, per poi essere recuperata senza vita a pochi metri dalla costa. Esaurita la tragedia, ora è il tempo della giustizia. Spetterà alla magistratura accertare eventuali responsabilità e valutare la posizione dell’uomo.

continua a leggere su Teleclubitalia.it