estorsione castel volturno arresti

Avevano tentato un estorsione ai danni di un imprenditore di Castel Volturno presentandosi come uomini appartenenti al clan dei Casalesi. Per questo motivo Giovanni Arillo, Francesco Barbato, Antonio Cacciapuoti e Francesco Sagliano, sono stati condannati al carcere con una sentenza emessa nella giornata di oggi, 8 ottobre, dal Giudice Antonio Baldassarre del Tribunale di Napoli. 

I fatti

Rintracciati nel luglio scorso tra Castel Volturno e Villaricca, i 4 erano si erano recati dalla vittima facendogli capire che di lì a poco alcuni esponenti della fazione Bidognetti dei Casalesi si sarebbero fatti vivi nella sua azienda per chiedergli la tangente.

In effetti Barbato, Cacciapuoti e Sagliano – hanno accertato i carabinieri – si sarebbero recati più volte dalla vittima chiedendo il pizzo, e di fronte ad un secco «no», sarebbero ritornati punendo l’imprenditore con un violento pestaggio, con tanto di pistola esibita in faccia.

I 4, difesi dagli avvocati Carmela Maisto, Ferdinando Letizia, Giuseppe De Gregorio, Dario Carmine Procentese e Luigi Poziello, sono riusciti ad ottenere una pena ridotta rispetto a quanto chiesto dal Pubblico Ministero.

La sentenza

Giovanni Arillo condannato a 3 anni e 8 mesi di reclusione (PM aveva chiesto anni 6)

Francesco Barbato, Antonio Cacciapuoti e Francesco Sagliano, con la recidiva: condannati a 6 anni e 6 mesi di reclusione (PM aveva chiesto anni 8)

Pasquale Musciarella condannato a 6 Anni, 4 mesi e 20 giorni di reclusione (PM aveva chiesto anni 8)

Barbato, Sagliano e Cacciapuoti sono stati assolti dal reato di porto e detenzione di una pistola calibro 7.65.

continua a leggere su Teleclubitalia.it