I dati covid in Campania non preoccupano perché i numeri continuano ad essere bassi anche se alcuni reparti si stanno riempendo. Dopo le morti di due trentenni avvenute nei giorni scorsi si fa il punto sui giovani ricoverati non vaccinati.Se tra fine luglio ed inizio agosto nessun trent’enne è morto in Italia ora, complice la variante delta le cose cambiano.Ci sono  giovani non vaccinati presenti nell’intensive e nelle subintesive degli ospedali campani che combattono con delle tremende forme di polmonite interstiziale. 

A Pozzuoli ad esempio, centro di riferimento per l’ASL Napoli 2 Nord ci sono 27 posti occupati su 32 disponibili di cui 4 rom tra i 30 e i 40 anni che sono gravi, due forse da intubare. Tutti non vaccinati.  Insomma ancora una volta i vaccini si dimostrano la misura più efficace per combattere il virus e proprio per questo a Giugliano è polemica: l’unico centro vaccinale aperto è quello di Lago Patria a venti km dal centro. Dall’Asl fanno sapere che ci può recare anche a quello di Mugnano più vicino. Preoccupano anche le donne incinte e per questo venerdì 17 al San Giovanni di Dio ci sarà un open day dedicato solo alle mamme in attesa. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it