reddito di cittadinanza lidi napoli lavoratori a nero

Scoperti 21 lavoratori a nero tra gli stabilimenti balneari di Napoli e provincia. Alcuni di loro percepivano il reddito di cittadinanza. E’ quanto emerso nel corso dei controlli effettuati lo scorso weekend dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Napoli.

Napoli, percettori di reddito scoperti a lavorare a nero nei lidi

Gli ispettori hanno passato al setaccio ben undici aziende attive nella gestione dei lidi della provincia partenopea. Ben otto sono risultate irregolari, tra cui due imprese edili impegnate in lavori di apprestamento e manutenzione delle strutture erano irregolari.Gli accertamenti hanno certificato la presenza di 21 lavoratori completamente in nero su 63 complessivamente presenti.

Scattate sanzioni amministrative per circa 65mila euro, oltre ai recuperi previdenziali ed assicurativi riferiti ai periodi di occupazione senza contratto. L’Ispettorato del lavoro ha inoltro disposto per le aziende che occupavano personale in nero in percentuale pari o superiore al 10% dell’organico la sospensione dell’attività imprenditoriale.

La scoperta

Nel corso dei controlli, tra i 21 dipendenti a nero, gli ispettori hanno scoperto che ben quattro percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza. Dopo il loro deferimento all’autorità giudiziaria, è stata disposta immediatamente la revoca del beneficio. Nell’ambito della stessa operazione, gli ispettori hanno adottato anche ventitré provvedimenti di prescrizione: 13 per omessa sorveglianza sanitaria, 8 per omessa informazione e formazione, 2 per assenza di Documento Valutazione Rischi e di nomina del medico competente, con importi sanzionatori per ulteriori 27mila euro circa.

continua a leggere su Teleclubitalia.it