casandrino raffaele mancino arrestato

Lite in famiglia finisce in sparatoria. I carabinieri della stazione di Grumo Nevano hanno eseguito una misura cautelare in carcere a carico di Raffaele Mancino, 40enne di Casandrino. L’uomo risponde di tentato omicidio e porto illegale di armi.

I fatti risalgono al 7 luglio scorso. A seg­uito di una lite per motivi familiari, Mancino av­eva aggredito fisica­mente, insieme a un altra persona, il cognato di questi. I due hanno percosso la vittima a calci e pugni. Successivamente l’aggredito ha provato a scampare alla aggressione a bordo della sua macchina. A quel punto l’arrestato ha esploso al suo indirizzo un colpo di pistola. Il proiettile, penetrato attraverso la portiera, è stata rinvenuta dai carabinieri all’in­terno dell’abitacolo del veicolo.

I sanitari del 118 hanno portato il malcapitato presso l’ospedale “Pellegrini” di Napoli dove gli hanno diagnosticato una ferita guaribile in sette giorni per una contusione all’arcata sopraccig­liare sinistra. Raffaele Mancino si è costituito ieri a carabinieri di Orvieto dopo aver saputo di essere destinatario di un provvedimento giudiziario.

continua a leggere su Teleclubitalia.it