Bonus affitto per i giovani. La legge di Bilancio 2022 ha allargato la platea dei beneficiari, ma soprattutto ha aumentato la durata della agevolazione. Si tratta in realtà di una detrazione destinata ai cittadini che hanno un’età compresa tra i 20 e i 31 anni, pari al 20% dell’ammontare del canone della locazione. 

Bonus affitto 2022: cos’è, come funziona e chi può richiederlo

Possono usufruire del bonus anche gli studenti fuorisede, che affittano semplicemente una stanza. Per ottenere la detrazione è necessario essere in possesso di alcuni requisiti, vediamo quali sono: 

  1. Avere un’età compresa fra i 20 e i 31 anni;
  2. Avere un reddito complessivo non superiore a 15.493,71 euro;
  3. Stipulare un contratto di locazione (legge 431/98), per l’intera unità immobiliare o porzione di essa da destinare a propria residenza, sempre che la stessa sia diversa dall’abitazione principale dei genitori o di coloro cui sono affidati dagli organi competenti ai sensi di legge.

Il bonus spetta per i primi quattro anni di durata contrattuale. Non posso ottenere la detrazione, invece, coloro che sono senza senza lavoro o gli incapienti. 

Leggi anche >> Bonus matrimonio 2022: cos’è, come funziona e chi può richiederlo

Solitamente il bonus prevede uno sconto fiscale di 20% dell’ammontare il canone locazione nel limite massimo di 2mila euro. 

Per cosa può essere richiesto e per cosa no

La detrazione vale per tutti gli immobili ad uso residenziale, purché si abbia contratto d’affitto. Ma non può essere richiesto in alcuni casi: 

  1. Immobili vincolati ai sensi della legge 1 giugno 1939, n. 1089 o inclusi nelle categorie catastali A/1 (abitazione di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli e palazzi), sottoposti esclusivamente alla disciplina relativi agli articoli 1571 e seguenti del Codice civile;
  2. Alloggi di edilizia residenziale pubblica;
  3. Immobili affittati con finalità turistico-alberghiere.
continua a leggere su Teleclubitalia.it