Un euro per riscaldare la pastina della bimba. È quanto denunciato dalla mamma della piccola che ha pubblicato sui social la foto dello scontrino emesso da un lido a Bacoli.

Bacoli, un euro in più per riscaldare la pastina della bimba: è polemica

La donna aveva già pagato 35 euro per l’accesso alla spiaggia e l’affitto di un ombrellone e due lettini per godersi una tranquilla giornata di sole e relax al mare. Il caso è stato già segnalato dal parlamentare Francesco Emilio Borrelli (Alleanza Verdi-Sinistra), che ha rilanciato sui suoi canali social il post fatto dalla madre: “A Bacoli – scrive il deputato ambientalista – sul lido balneare pagano 1 euro per riscaldare la pastina per la figlia dopo aver affittato ombrellone e due lettini. Il salasso ai bagnanti non è turismo di qualità. Abbiamo segnalato al Sindaco del Comune, Josi Della Ragione”.

Il post della signora è stato pubblicato sulla pagina Facebook “Sei di Pozzuoli se…”. Nel post la mamma ha pubblicato la foto dello scontrino che riporta il costo di 1 euro. “Questo lido – scrive la donna a corredo del post – è diventato molto caro addirittura per riscaldare la pastina a mia figlia ho pagato 1,00€ dopo che ho pagato 2 lettini e un ombrellone 35,00€”.

50 centesimi in più per il ghiaccio nelle bibite: lido del Cilento nella bufera

continua a leggere su Teleclubitalia.it
resta sempre aggiornato con il nostro canale WhatsApp
Banner tv77 Finearticolo