maniaco sant'arpino succivo ragazzine

E’ caccia al maniaco che in questi giorni sta seminando il panico tra le ragazzine dell’agro aversano, tra Succivo e Sant’Arpino. L’uomo agisce sempre allo stesso modo: si denuda, si abbassa gli slip e insegue in strada dodicenni e tredicenni mostrando i genitali.

Caccia al maniaco nell’agro aversano

Il pedofilo avrebbe già agito in due occasioni. A confermarlo la denuncia di un altro papà, che ha raccolto la testimonianza della figlia scampata alle attenzioni morbose del pervertito. Ieri per la seconda volta, secondo quanto ricostruito, in via Orazio a Succivo il soggetto ha inseguito due ragazzine mostrando loro i genitali e ha provato a palpeggiarle. Fortunatamente le giovanissime sono riuscite a scappare e a evitare il peggio.

L’identikit del pedofilo

Secondo la descrizione fornita dalle minorenni, l’indiziato è un 40enne, alto 1,70, che indossa una tuta di colore nero e con una scritta gialla. Ha i pelli brizzolati e barba incolta. E’ stato avvistato anche a Sant’Arpino, in piazzetta della Resistenza. La vicenda è stata denunciata presso la stazione locale dei carabinieri in paese. Ora è caccia al maniaco, chiunque lo avvistasse deve immediatamente chiamare le forze dell’ordine.

“Ancora una volta, è successo ancora, via Orazio, a Succivo – racconta il padre dell’ultima vittima –  il pervertito è ritornato ad importunare mia figlia, a quanto pare mia figlia non sarebbe l’unica vittima .Questa volta ero molto vicino a prenderlo…. Ma misteriosamente è riuscito a nascondersi da qualche parte. Ovviamente sono stati avvertiti i carabinieri di Sant’Arpino e domani faremo un’altra denuncia”.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it