Giugliano, quella incredibile coincidenza e la paura di una nuova guerra di camorra

Giugliano. Si è tornato a sparare ieri a Giugliano. Si è tornato a sparare forse per ferire o forse solo per fare paura.  Contro chi? Nulla è certo ma per il luogo dove è avvenuto e le modalità sono proprio le stesse di un agguato molto simile: quello dello scorso ottobre ai danni dei  fedelissimi dello scomparso boss Michele De Biase detto Paparella.

Anche ieri con ogni probabilità le vittime designate erano loro: il gruppo legato a Don Michele, che stando alle intercettazioni ascoltate tra alcuni affiliati “doveva essere squagliato nell’acido” perché stava contravvenendo alle regole del clan e agiva in autonomia.

LA COINCIDENZA. C’è però una coincidenza temporale nei fatti criminosi di ieri che è tanto assurda quanto cruenta. La camorra è tornata a sparare dopo esattamente venticinque anni nello stesso posto e se le voci di radio paese sono confermate per lo stesso motivo: il 4 giugno del 1991 furono eliminati proprio lì Pietro e Luigi D’alterio. I “Piripicci”.

Non è il caso qui di ricordare quella storia criminale ma di certo non si può non notare di come i “Mallardo” dopo venticinque anni tornano a sparare nello stesso luogo e ancora una volta per “riportare ordine” tra le proprie fila. Per mettere nuovamente a tacere la fazione delle “palazzine” che da sempre ha dato filo da torcere ai “selleciunari”.

Venticinque anni fa colpirono con il piombo due fratelli e fecero scomparire un terzo. Ieri hanno sparato 6 colpi di fucile da caccia e uno di pistola nelle stesso e identico posto. Ieri come venticinque anni fa le palazzine sono diventate ancora una vola il luogo più caldo di Giugliano. C’è una differenza però: venticinque anni fa quell’esecuzione segnò l’inizio di una pace durata anni, il raid di ieri potrebbe essere invece l’inizio di una nuova guerra di camorra.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.