Ancora un agguato a Torre Annunziata. Diversi colpi di pistola sono stati esplosi all’indirizzo di Francesco Immobile, 35 anni, già noto alle forze dell’ordine, che si trovava vicino alla chiesa di Sant’Alfonso Maria De’ Liguori.

Agguato di camorra vicino a una chiesa nel Napoletano: ucciso 35enne

Il giovane è stato portato in codice rosso ed in condizioni critiche all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia dove poi è morto per le ferite riportate. Sulla

Sulla vicenda indagano i poliziotti della locale stazione. Un aiuto potrebbe arrivare dalle telecamere di video-sorveglianza presenti in zona, che potrebbero aver registrato la scena e consentire agli inquirenti di risalire all’identità dei sicari.

E’ il secondo raid di camorra che avviene nel comune oplontino. Ieri pomeriggio infatti M.G., 57enne ritenuto vicino al clan Gionta di Torre Annunziata, era stato raggiunto alle gambe e all’addome da diversi colpi di pistola. Portato all’ospedale di Castellammare di Stabia anch’egli, non sarebbe in pericolo di vita.

“A Torre Annunziata c’è una guerra di camorra. Un nuovo raid armato ad ora di pranzo, davanti a una chiesa. La vittima dell’agguato, un pregiudicato, è morta in ospedale. Torre Annunziata è ostaggio dei clan in guerra tra loro per il predominio degli affari illeciti. È una città morente. In pieno giorno si spara per strada e tutti sono in pericolo di vita. Non c’è più tempo da perdere. Si è fin troppo sottovalutata la situazione. Dobbiamo disarmare Torre Annunziata. Lo Stato deve fare lo Stato. La società civile deve far sentire la propria voce”.  Lo afferma il senatore Sandro Ruotolo del gruppo Misto.

continua a leggere su Teleclubitalia.it