arresti cavallo di ritorno boscoreale

Chiedono il cavallo di ritorno per un semirimorchio rubato a Nocera, ma vengono scoperti. Uno dei due, Domenico Arcobelli, 31enne di Torre Annunziata, finisce in manette. L’altro, invece, un 28enne di Boscoreale ha ricevuto una denuncia per tentata estorsione.

Boscoreale, cavallo di ritorno per un semirimorchio: denunciati

Martedì mattina gli agenti del Commissariato di Torre Annunziata, durante il servizio di controllo del territorio, sono intervenuti in via Carola a Boscoreale per la segnalazione di un semirimorchio parcheggiato in strada.

I poliziotti, giunti sul posto, sono stati avvicinati da due dipendenti della ditta proprietaria del veicolo. I due hanno raccontato di essere riusciti ad individuare il mezzo, rubato lo scorso sabato a Nocera Inferiore, grazie al sistema satellitare ed hanno detto che, poco prima dell’arrivo della volante, un uomo presente sul posto aveva fatto una richiesta a scopo estorsivo per riconsegnarlo. Di fronte al loro rifiuto, il balordo aveva contattato un complice sopraggiunto poco dopo.

I due malviventi, alla vista degli operatori, hanno tentato di allontanarsi ma uno di essi è stato raggiunto e bloccato in un piazzale poco distante in via Promiscua a Boscoreale mentre il complice, grazie alle descrizioni fornite dalle vittime, è stato rintracciato in via Roma.

Domenico Arcobelli, 31enne di Torre Annunziata con precedenti di polizia, è finito in manette per tentata estorsione e denunciato per ricettazione. Un 28enne di Boscoreale è deferito all’autorità giudiziaria per tentata estorsione. Riconsegnato il semirimorchio del valore di 13000 euro al proprietario.

continua a leggere su Teleclubitalia.it