faida camorra quartieri spagnoli

Questa mattina, su delega della Procura Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Napoli, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione di misure cautelari detentive, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di

BASILE Giuseppe nato a Napoli il 10.11.1997,

CANNOLA Francesco nato a Napoli il 18.10.1998,

NOCERINO Carmine nato a Napoli il 10.9.1996,

VERRANO Massimiliano nato a Napoli il 30.11.1979,

MAROTTA Mario nato a Napoli il 11.06.1999

ritenuti gravemente indiziati dei delitti di tentato omicidio plurimo, detenzione illecita e porto abusivo in luogo pubblico di arma comune da sparo calibro 7.65, aggravati dalla circostanza di cui all’articolo 416 bis.1 c.p., per aver eseguito i fatti di sangue avvalendosi delle condizioni di cui all’articolo 416 bis c.p., commessi a Napoli il 16.6.2021, e dei delitti di detenzione illecita e porto abusivo di una pistola calibro 9×21, commessi a Napoli il 31.3.2021.

Su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli, inoltre, è stato eseguito un decreto di fermo per gli stessi reati a carico di M. G. P.  cl. 2005, coinvolto nei fatti commessi il 16.6.2021.

Le misure cautelari compendiano gli esiti di articolate indagini (svolte attraverso l’acquisizione di riprese video, intercettazioni ambientali e telefoniche, consulenza video-metrica, dichiarazioni delle persone offese e delle persone informate sui fatti) che hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei loro destinatari che, nell’ambito di uno scontro violento tra i membri di due famiglie rivali dei Quartieri Spagnoli, si rendevano responsabili dell’esplosione di colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio nei confronti di una donna, nella sera del 31.3.21, nonché di un fallito agguato omicidiario, avvenuto in Vico Tre Regine A Toledo il 16 giugno 2021, in cui rimanevano feriti, in modo grave, due ignari passanti, del tutto estranei al contesto causale descritto.

continua a leggere su Teleclubitalia.it