Appalti in favore di “amici” in cambio di voti e regali. All’interno delle stanze dell’Asl Napoli 1 ci sarebbe un gruppo di persone in grado di condizionare le scelte amministrative e di vanificare i controlli messi in campo dall’Azienda sanitaria e dai Carabinieri del Nas. E’ quello che ipotizza la Guardia di Finanza in una indagine che era partita con l’analisi degli apparti legali al servizio antilegionella in ospedali e presìdi. 

Asl Napoli 1, appalti agli amici in cambio di voti e regali: l’indagine della Finanza

L’attività investigativa delle Fiamme Gialle ha portato a un’informativa presentata al Tribunale del Riesame. Gli indagati sono 19, tra cui dirigenti pubblici che sarebbero legati a un gruppo di imprese che lavorando con l’Asl e che, attraverso loro, avrebbero ricevuto favoritismi in appalti.

“Gli elementi probatori finora acquisiti – rileva la Guardia di Finanza – comproverebbero uno stretto sodalizio, nel quale sarebbero coinvolti imprenditori, dirigenti e dipendenti della pubblica amministrazione locale, nonché esponenti della realtà politica campana, tutti determinati a far ottenere l’aggiudicazione di gare ad evidenza pubblica per la fornitura di lavori e servizi a favore di società ad essi riconducibili”. Secondo la Procura alcune ditte avrebbero ottenuto contratti e proroghe. 

continua a leggere su Teleclubitalia.it