Il personale sanitario che non si sarà completamente vaccinato entro il 15 settembre non potrà più lavorare e non verrà più pagato. La Francia sceglie la linea dura per scongiurare una quarta ondata legata alla variante Delta del Coronavirus.

Francia, linea dura anti-covid: niente stipendio per i sanitari no vax

Il ministro della Salute Francesco, Oliveri Véran, ha annunciato misure più rigide per fronteggiare l’incremento dei positivi. Quanto all’estensione dell’obbligo di pass sanitario in bar ristoranti, treni, aerei annunciato dal presidente Macron, Véran ha ribadito che “non è un ricatto” ma una misura necessaria per evitare di “chiudere il Paese”.

Da fine luglio il pass sanitario, che certifica il ciclo vaccinale completo, la recente guarigione o il test negativo, diventerà obbligatorio per entrare nei luoghi di cultura, nei musei e nei cinema.
A inizio agosto la misura sarà estesa a bar, ristoranti, centri commerciali, tratte lunghe in treno o pullman, aerei.
E l’effetto si è subito visto: dopo il discorso di Macron si è registrato un boom di richieste di vaccinazione nel Paese. Il capo del sito di prenotazione online Doctolib, Stanislas Niox-Chateau, ha detto che lunedì sera sono stati “926mila i francesi che hanno preso appuntamento per il vaccino”. Ci sono stati duemila appuntamenti al minuto. Un record assoluto dall’inizio della campagna vaccinale.
continua a leggere su Teleclubitalia.it