Dal 21 giugno la Campania potrebbe essere in zona bianca. Da tre settimane, infatti, l’incidenza è inferiore ai 50 contagi ogni 100mila abitanti, precisamente tra 43 e 31 casi.

Campania vicina alla zona bianca, quando finirà nella fascia con minori restrizioni

La conferma si avrà soltanto domani, venerdì 18 giugno, quando si terrà il consueto monitoraggio dell’Iss con il ministro Speranza, che potrà emanare eventuali ordinanze.

Ma la Campania non sarà la sola a passare dalla fascia gialla a quella con minori restrizioni. Le altre regioni candidate alla zona bianca sono cinque: la Basilicata, la Calabria, le Marche, la Toscana, la Sicilia e la provincia autonoma di Bolzano. L’unica incognita sembra essere quella della Valle d’Aosta, dove il valore inferiore ai 50 casi ogni 100mila abitanti è stato registrato per una sola settimana.

Regole in zona bianca

In zona bianca non ci sono limitazioni, tranne il distanziamento di un metro tra i tavoli, mentre nei bar e nei ristoranti al chiuso potranno sedere allo stesso tavolo al massimo sei persone. E’ obbligatorio ancora rispettare il distanziamento sociale e indossare la mascherina. Il coprifuoco non esiste.

Aperti anche piscine coperte, centri benessere, sale gioco, parchi a tema, centri sociali e culturali. Si possono fare le feste di nozze, presentando la certificazione verde.

continua a leggere su Teleclubitalia.it