agguato miano

NAPOLI. Agguato questo pomeriggio a Napoli. Un uomo è stato ferito a colpi d’arma da fuoco ed è stato lasciato dinanzi al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco.

Obiettivo dei sicari, come riporta il mattino, Salvatore Di Caprio, classe ’83. L’uomo, ai suoi soccorritori, ha riferito di essere stato avvicinato da alcuni ignoti mentre si trovava a Miano e di essere stato ferito senza alcun motivo.

Agguato a Napoli, spari a Miano

L’uomo è stato ferito agli arti inferiori. Qualcuno lo ha accompagnato in ospedale lasciandolo all’ingresso del nosocomio per poi dileguarsi.

Le sue condizioni non sarebbero al momento gravi. Indagini in corso per ricostruire quanto accaduto ma al momento ci sono molti punti oscuri e la versione della vittima non convince gli investigatori. La vittima è ritenuta vicina agli ambienti della criminalità organizzata di Secondigliano. Nel2013, infatti, fu arrestato nell’ambito dell’operazione ‘Beluga’, il maxiblitz che portò alla cattura di oltre 100 appartenenti alla cosca Di Lauro del Rione dei Fiori.

Pare però che Di Caprio si sarebbe avvicinato a un’altra organizzazione criminale, quella dei Mazzarella.

Leggi anche: Le mani dei Casalesi sui caseifici: in manette il figlio di “Sandokan”. Cinque gli arresti

continua a leggere su Teleclubitalia.it