denise anna corona

Si torna a parlare del caso Denise Pipitone e dopo l’ispezione di ieri nell’edificio che ospitò fino a pochi anni fa Anna Corona, la madre della sorellastra della bimba scomparsa il primo settembre del 2004 emergono nuovi dettagli.

I riflettori ancora una volta i riflettori sono puntati su Anna Corona e Jessica Pulizzi, rispettivamente ex moglie e figlia di Pietro Pulizzi, il papà biologico della piccola.

Già da tempo Piera Maggio chiede che le intercettazioni fatte al commissariato tra Anna Corona e Jessica possano “essere ripulite con le nuove tecnologie”, che non erano disponibili all’epoca del processo. “Magari ascoltate oggi – ha detto la mamma della piccola scomparsa – dimostrano una versione diversa, più chiara. Spero che venga fatto, perché lì si parla di Denise, è l’oggetto della discussione”.

Denise, conversazioni tra Anna e Stefania

Intanto spunta un’altra donna nel caso di Denise, di nome Stefania che sarebbe sempre legata ad Anna Corona. Tra le due in un anno sono state effettuate 1233 telefonate, dopo l’1 settembre 2004 solo squilli, nessuna conversazione.

Nel corso di Chi l’ha visto sono state fatte ascoltare alcune intercettazioni fatte dai carabinieri e poi in tribunale tra Anna Corona e Jessica Pulizzi, tuttavia di difficile interpretazione, anzi di una doppia interpretazione.

Ma, soprattutto, viene fatta luce sui rapporti emersi al processo tra Anna Corona e una donna, di nome Stefania, che aveva una relazione con un esponente della Polizia, che la interrogò a Mazara del Vallo qualche giorno dopo la scomparsa di Denise.

Di questo rapporto si è già parlato in passato e, durante il processo di primo grado, Anna Corona spiega che con Stefania, che lavora presso un’agenzia di viaggi, ha un rapporto di amicizia. Cosa che però Stefania non sembra confermare, affermando sempre in tribunale che Anna è semplicemente una cliente, la quale dopo la morte del padre le ha dato sostegno morale. Ma i contatti tra le due si interrompono l’1 settembre 2004, giorno della scomparsa di Denise: da allora niente più conversazioni ma solo squilli.

La cosa strana è che Stefania, che all’epoca aveva intorno ai 22 anni, aveva una relazione con il commissario capo di Mazara del Vallo, che sfocerà qualche anno dopo in un matrimonio. Il 22 settembre 2004 il consulente Genchi chiede al magistrato che si occupa del caso se una utenza poteva essere di un appartenente alle forze dell’ordine. Da quel giorno Stefania non risponde più a messaggi e chiamate di Anna Corona.

“Denise caduta nel pozzo”, la segnalazione all’ex pm: luci accese sulla famiglia Corona

continua a leggere su Teleclubitalia.it