blitz carabinieri casa anna corona denise pipitone

A pochi giorni dalla riapertura delle indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone, scatta il blitz a casa di Anna Corona. Si tratta dell’ex moglie di Pietro Pulizzi, papà biologico di Denise Pipitone. Nel mirino degli investigatori ci sarebbe Jessica Pulizzi, la sorellastra di Denise nata dall’unione tra Pietro e Anna Corona. In passato la Procura l’accusò di aver rapito la piccola bimba di Mazara del Vallo per poi essere stata assolta in tutti i gradi di giudizio.

Denise Pipitone, blitz in casa della sorellastra

Il sopralluogo viene effettuato per verificare se siano stati effettuati dei lavori edili nella casa ed è stato disposto dalla Procura di Marsala. La casa da tempo non è più di proprietà di Anna Corona. I carabinieri stanno effettuando il blitz dopo una segnalazione inquietante giunta alle forze dell’ordine secondo la quale il corpo di Denise potrebbe trovarsi nascosto in casa, celato da un muro costruito appositamente dopo un presunto delitto.

In particolare i Militari dell’Arma stanno controllando anche la presenza di una botola che porterebbe a uno scantinato nascosto e mai oggetto di ispezione da parte delle forze dell’ordine. Gli investigatori non escludono che ci siano parti della casa in cui siano nascosti i resti della piccola. A disporre il controllo il procuratore capo Vincenzo Pantaleo e dai sostituti Roberto Piscitello e Giuliana Rana, che nei giorni scorsi hanno ascoltato l’ex pm Maria Angioni, titolare delle prime indagini sulla scomparsa della bimba e adesso in servizio a Sassari.

Denise Pipitone era sparita da Mazara del Vallo il 1 settembre del 2004, quando aveva solo quattro anni. Nel corso del tempo le indagini della Procura si concentrarono sulla sorellastra Jessica Pulizzi. La giovane fu indagata per sequestro di minore e assolta da tutte le accuse con sentenza definitiva della Cassazione del 2017.

L’intercettazione su Anna Corona

Pochi giorni fa il nome di Anna Corona, l’ex moglie del papà naturale di Denise, è rimbalzato su tutti i media per un’intercettazione risalente a pochi giorni dopo la sparizione della bimba. “C’è una telefonata in cui risponde una bambina e una voce, forse femminile, in maniera brusca le dice: ‘Stai zitta’”. Così Roberto Cusani, il consulente di Piera Maggio – la mamma di Denise Pipitone la bambina scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo – parla di un’intercettazione telefonica di Anna Corona mandata in onda a “Mattino Cinque”. Sembrerebbe esclusa l’ipotesi che la voce della minore nell’intercettazione possa essere delle figlie di Corona che all’epoca dei fatti avevano 13 e 17 anni. La stessa Piera Maggio è convinta che Denise conoscesse già i suoi rapitori.

continua a leggere su Teleclubitalia.it