“Nel weekend c’è stato un vero e proprio trionfo dell’irresponsabilità, ma non solo in Campania. Ieri tana liberi tutti dappertutto: tifosi dell’Inter, assembramenti a Roma, a Napoli, in altre città… Tra due settimane avremo gli effetti di questi comportamenti” lo ha detto il consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, ospite del format di Tele Club Italia “Campania oggi” in onda tutti i giorni alle 13:00 e alle 18:30.

Una parte significativa dei ristoratori e dei titolari dei locali ha pensato di raggiungere il massimo del risultato economico date le condizioni di difficoltà, ma si sono verificate le situazioni incredibili. C’è un locale che ha riaperto nonostante avesse già i sigilli. La cosa che fa rabbia è che ci sono imprenditori, ristoratori, commercianti che pagano il conto per questi cialtroni” ha aggiunto.

All’imprenditore Salvatore Trinchillo (vicepresidente del sindacato degli imprenditori balneari e anch’egli ospite della trasmissione) che ha parlato di soli 5 o 6 casi di irregolarità, Borrelli ha poi risposto: “5 o 6 casi solo a Giugliano. Decine di casi in provincia di Napoli, centinaia in Campania, migliaia in Italia. Il covid ha fatto emergere il pezzo peggiore della nostra società. Non siamo covid-free: chi lo dice danneggia i gestori e le persone perbene. La verità è che una parte non piccola del nostro paese sta affrontando l’emergenza fregandone degli altri“.

Anche Trinchillo, titolare del lido Varca D’oro, è però in parte d’accordo con il consigliere dei Verdi: “C’è il fenomeno sociale e culturale di incontrarsi in spiagge ma anche luoghi privati all’ora dell’aperitivo era bello prima del covid, ma ora va ripensato. Ci sono cose che – esattamente come con i concerti – sarebbe meglio mettere in stand-by e farle solo quando si potranno fare. Lo dico anche contro il mio interesse visto che faccio anche quest’attività. La moda dell’aperitivo e la movida hanno condizionato anche i legislatori sul tema del coprifuoco. Servirebbero più controlli, ma – da responsabile dell’associazione di categoria – dico: non solo nei locali privati ma anche nei luoghi pubblici”. 

“Trinchillo – concorda Borrelli – è un imprenditore serio, se fossero tutti come lui avremo meno problemi. Il covid ha messo in evidenza il disastro sociale di una struttura organizzativa del nostro paese (non solo) in cui l’egoismo e la strafottenza nei confronti dei più deboli vengono esaltati. Per molti andarsi a divertire è molto più importante. Ci si può divertire in sicurezza, ma “O’ burdell” come si dice a Napoli è indecoroso nei confronti delle decine di migliaia di morti che ci sono stati nel nostro paese. W l’economia, ma con responsabilità. Benissimo ha fatto De Luca a scegliere di vaccinare urgentemente tutte le località turistiche della nostra regione”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it