portici violenza urla a telefono con la mamma

Vittima di un 24enne di Ercolano che la stava violentando. Una 18enne si è salvata dallo stupro grazie a una telefonata fatta alla mamma. Quando la donna ha sentito la figlia urlare al cellulare ha subito avvertito le forze dell’ordine.

Portici, urla a telefono con la mamma: 18enne salvata dallo stupro

La vicenda si è consumata a Portici nella notte tra sabato e domenica. La 18enne era nelle mani di uno sconosciuto di 24 anni che la palpeggiava e la strattonava cercando di appartarsi. La 18enne era a telefono con la mamma. La donna è riuscita a capire cosa stesse succedendo prima che la comunicazione con la figlia si interrompesse.

A quel punto, la mamma della vittima si è rivolta al commissariato locale per denunciare che la figlia poteva essere in pericolo. Grazie alle sue descrizioni la ragazza è stata rintracciata. Dal suo racconto si è scoperto che era stata vittima di abusi sessuali da parte di uno sconosciuto. Quando gli agenti delle Volanti hanno trovato la ragazza in strada a poca distanza c’era l’uomo, un 24enne, che ancora la strattonava. Ascoltata dagli investigatori, la 18enne ha detto che non aveva mai visto prima l’uomo che l’aveva aggredita.

Sulla base degli elementi raccolti con il supporto della Quarta Sezione della Squadra Mobile il 24enne, con precedenti di polizia, è stato arrestato e poi condotto al carcere di Poggioreale con l’accusa di violenza sessuale. Dell’episodio è stato informato il pm della Procura della Repubblica di Napoli, sezione Fasce Deboli.

continua a leggere su Teleclubitalia.it