de luca zona arancione campania

“Sento che la Campania rischia la zona arancione“. A lanciare l’allarme ieri è stato il governatore Vincenzo De Luca a margine di un incontro a Mondragone. Il presidente della Regione teme un ritorno nella fascia di rischio intermedia. Significherebbe di nuovo parziali chiusure e limitazioni alla libertà di spostamento dopo appena cinque giorni di normalità.

Campania, si tema la zona arancione: oggi la decisione

“Ho la sensazione che da altre parti d’Italia non adottino lo stesso rigore della Campania per valutare i positivi – ha tuonato De Luca -. Mi sono intossicato. Ho sentito che la Campania rischia la zona arancione“.

La regione mantiene un trend stabile di crescita dei contagi. La pressione sugli ospedali è in leggera diminuzione: nel bollettino di ieri si registra -45 ricoveri in degenza ordinaria e un solo ricovero in più in terapia intensiva. Tuttavia a preoccupare è il numero degli attualmente positivi, il più alto d’Italia, 1605 per 100mila abitanti, come riporta il Gimbe nel suo report settimanale. E proprio questo dato mantiene la regione in blico tra giallo e arancione.

Questione vaccini

Come riptete già da tempo il Governatore, la Campania risulta penalizzata nella distribuzione dei vaccini (207mila dosi in meno rispetto al dovuto) rispetto ad altre regioni italiane. “Sono dei delinquenti coloro che tolgono il vaccino alla Regione che ha la densità abitativa piu’ alta d’Italia e d’Europa. Non so quale espressione usare, ma loro sono un muro di gomma e fanno finta di non sentire. Noi continueremo a combattere finchè non si svegliano”, denuncia.

Oggi si decide

E proprio oggi sulla base del monitoraggio dei dati dell’Istituto Superiore della Sanità, la cabina di regia del Governo deciderà il futuro delle regioni. La Puglia, in arancione, dovrebbe spostarsi in zona gialla. La Valle d’Aosta è in bilico tra l’arancione e il giallo. Dovrebbero restare in arancione Calabria, Sicilia e Basilicata. La Sardegna (unica regione rimasta in zona rossa) potrebbe uscire dal lockdown. Dal 3 maggio scatterà la nuova mappa del rischio. La Campania sorvegliata speciale nella giornata di oggi.

continua a leggere su Teleclubitalia.it